Articolo

Verso il disgelo: la ripresa della blockchain dopo l'inverno delle cripto

 -

Ecosistema blockchain: com’è andato il 2022?  

Nel 2022, i giornali hanno descritto la tecnologia della blockchain con toni del tutto pessimistici. Abbiamo assistito al declino del valore dei criptoasset, al fallimento delle principali entità centralizzate (Celsius e FTX) dovuto a problemi di liquidità e governance e a capi d'accusa verso dirigenti senior. 

Tuttavia, in alcuni ambiti di questo ecosistema, la situazione è stata più positiva. I protocolli della finanza decentralizzata (DeFi) hanno continuato a funzionare come previsto e, secondo la società di analisi blockchain Nansen, hanno perfino registrato una crescita a doppia cifra dopo il crollo di FTX. 

Nel frattempo, i mercati finanziari tradizionali hanno preso in prestito le tecnologie blockchain e accettato progressivamente gli asset tokenizzati grazie ai vantaggi che offrono in termini di costi ridotti, regolamentazione e maggiore liquidità. 
 
HSBC, ad esempio, ha recentemente annunciato il lancio di una piattaforma di tokenizzazione di obbligazioni che utilizza la tecnologia di registro distribuito. Emetterà potenzialmente un'obbligazione tokenizzata in GBP, e prevede di utilizzarla per facilitare l'emissione di obbligazioni digitali, utilizzando un'infrastruttura blockchain permissioned (ossia con autorizzazione).

Analogamente, alcune banche centrali hanno studiato e implementato la blockchain come strumento per promuovere le valute digitali delle banche centrali stesse (CBDC).

Figura 1. Applicazioni e vantaggi della blockchain

  Cripto DeFi Tokenizzazione di asset Web3
Vantaggi
  • Speculazione senza censura
  • Trading e credito a basso costo 
  • Proprietà frazionata
  • Maggiore liquidità
  • Mondi virtuali paralleli con un'economia digitale parallela
Reso possibile da
  • Blockchain pubblica senza autorizzazioni
  • Borse centralizzate
  • Market making automatizzato
  • Prestiti sovracollateralizzati
  • Portafogli non detentivi
  • Blockchain con autorizzazioni per mercati regolamentati
  • AR/VR
  • Metamondi
  • NFT
Rischi
  • Volatilità dei criptoasset
  • Furti su portafogli non detentivi e CEX
  • Frodi
  • Bug e sfruttamento degli smart contract
  • Furti e frodi specialmente sui ponti della blockchain
  • Protezione del consumatore
  • Chiarezza legale e normativa per alcuni asset
  • Maturità tecnologica
  • Modelli aperti vs chiusi
  • Modelli commerciali
Maturità normativa
  • Regolamenti in lenta evoluzione es. MiCA in UE
  • Essenzialmente non regolamentata, con pochi protocolli regolamentati es. Swarm
  • Ampiamente regolamentata in molte giurisdizioni es. Germania, Liechtenstein
  • Solo mediante regolamenti esistenti in ambito cripto e asset digitali

È arrivato l'inverno: un anno di sfide senza precedenti per la blockchain 

Dopo anni di avvertimenti da parte dei pessimisti delle cripto, nel 2022 per l'ecosistema blockchain è sicuramente arrivato l'inverno. Dopo l'"estate della DeFi" nel 2020 e il picco degli NFT (token non fungibili)1 nel 2021, il 2022 si è rivelato l'anno della resa dei conti.  

Gli eventi più degni di nota sono i crolli successivi di Terra (lo stablecoin algoritmico che forse molto stabile non era), Celsius, 3 Arrows Capital e Voyager. Il più disastroso di tutti però è stato il crollo di FTX nel novembre 2022. Con un giro d'affari miliardario, ha scosso il già volatile mercato delle criptovalute, facendo scendere la capitalizzazione di mercato complessiva al di sotto di 1 trilione di dollari.  

Investimenti nella blockchain: le aziende vengono ancora finanziate? 

Nel 2022 i tagli di personale e i fallimenti sono aumentati, ma le società blockchain di qualità, guidate da un team forte ed esperto, hanno ricevuto finanziamenti significativi (es. Mysten Labs e il finanziamento di serie B da 300 milioni di dollari). Questo porta a presupporre che ci sia una possibilità di ripresa. 

Se nel 2022 gli investimenti nel mercato tecnologico sono diminuiti, rimangono però delle aree calde come il Web32. Nel terzo trimestre del 2022 gli investitori hanno investito in questo ambito 2,9 miliardi di dollari, portando gli investimenti complessivi nei primi tre trimestri del 2022 a 13 miliardi di dollari contro i 10,1 miliardi registrati nell'intero 2022.  

Le fusioni e acquisizioni (M&A) rappresentano la maggior parte degli investimenti legati al metaverso (figura 2), seguite dagli investimenti interni e da venture capital/private equity (VC/PE).

Figura 2. Valore degli investimenti legati al metaverso (mld. $)

Fonte: Crunchbase, McKinsey, Value creation in the metaverse.

Migliorare gli aspetti ambientali, sociali e di governance (ESG) della blockchain

Il "Merge", ovvero il passaggio di Ethereum a un meccanismo di consenso Proof of Stake1, si è svolto senza particolari problemi, riducendo ampiamente il consumo di elettricità e le conseguenti emissioni di gas serra (GHG), e aprendo la strada a un futuro miglioramento dei tassi e dei costi di transazione di Ethereum.

Il Bitcoin consuma circa 93,40 TWh di elettricità (vedi la figura x qui sotto). In confronto, l'Ethereum pre-fusione utilizzava 23,42 TWh, per poi scendere al bassissimo valore di 0,001 TWh dopo la fusione (equivalente al consumo energetico di 144 famiglie americane). 

Sebbene le credenziali 'E' delle criptovalute abbiano ancora molta strada da fare, il caso d'uso della tecnologia blockchain sottostante è molto più diversificato. Il miglioramento dei dati ESG ne è un esempio. Le organizzazioni potrebbero utilizzare la blockchain per sincronizzare i propri sistemi di registrazione; poiché i dati su un registro distribuito non possono essere modificati, i dati risultanti sarebbero più credibili.

Figura 3. Consumo energetico delle principali criptovalute

Fonte: CCAF.

Tokenizzazione: oltre le criptovalute

La tokenizzazione è un processo attraverso cui un asset del mondo reale, ad esempio un edificio, viene immaginato come una serie di token, che rappresentano ciascuno la proprietà di una frazione dell'asset.  

Un token può anche essere l'asset stesso, ad esempio un'obbligazione potrebbe esistere esclusivamente come token in una blockchain, con tutte le proprie caratteristiche espresse nel token. In alternativa, il token può essere il gemello digitale di un'obbligazione che esiste nel mondo reale al di fuori della blockchain.

La tokenizzazione promette di aumentare notevolmente l'efficienza delle negoziazioni e dei rimborsi grazie alla possibilità di regolare in simultanea le transazioni subito dopo l'esecuzione (cioè la regolamentazione tramite Delivery versus Payment (DvP) con contanti tokenizzati), rimuovendo così il rischio controparte e di regolamento.

Il metaverso: da asset virtuali a mondi virtuali

La combinazione di vastissimi mondi virtuali e di un nuovo accesso immersivo mediante realtà aumentata (AR), realtà virtuale (VR) e asset digitali dà vita al metaverso, o meglio ancora ai metaversi.

La potenziale dimensione dell'economia del metaverso porta a chiedersi quale tipo di sistema monetario sarà in grado di sostenerla. Tra le soluzioni possibili vi sono i criptoasset, gli stablecoin, la moneta fiat tradizionale e, potenzialmente, le valute digitali delle banche centrali (Central Bank Digital Currency, CBDC).

Sebbene l'uso di CBDC nei mondi virtuali possa sembrare una soluzione eccentrica, la Bank Of England ha commentato in un blog: "L'importanza dei criptoasset nel metaverso aperto fa sì che se un metaverso aperto e decentralizzato dovesse crescere, i rischi esistenti legati ai criptoasset potrebbero aumentare su vasta scala, con conseguenze sistemiche sulla stabilità finanziaria". Naturalmente, una soluzione per mitigare tale rischio è l'uso di CBDC.

Figura 4. Panoramica del metaverso
Panoramica del metaverso, spazi, asset digitali e blockchain

Fonte: Invesco.

Blockchain: la tesi a favore della regolamentazione

In passato una parte del settore blockchain si era dichiarata contraria alla regolamentazione, ma oggi sempre più persone ne riconoscono l'esigenza. Allo stesso tempo, le autorità di regolamentazione hanno fatto fatica a tenere il passo con i ritmi di innovazione della blockchain. 

Ma con i recenti fallimenti, come quello di FX, che hanno messo in evidenza i rischi per i consumatori, è chiaro che una maggiore ed efficace regolamentazione sarà una parte importante del percorso se si vuole che il settore progredisca. Ciò potrebbe permettere di estendere alcune tutele della finanza tradizionale, senza però soffocare l'innovazione degli asset digitali.

Le sfide nella regolamentazione delle criptovalute sono notevoli. Paesi diversi si trovano in fasi diverse del percorso normativo, e hanno adottato approcci differenti.  

Alcuni, come l'Australia, stanno applicando le leggi esistenti alla nuova tecnologia. Altri, come l'Estonia, stanno facendo un ulteriore passo avanti e stanno applicando le loro leggi esistenti retroattivamente, mentre Malta prevede di introdurre una nuova normativa, insieme alla direttiva MiCA dell'UE. 

  • L'UE ha compiuto un grande passo in avanti verso la regolamentazione con l'introduzione della direttiva Markets in Crypto-assets (MiCA). 

    Includendo tutti e 27 gli Stati membri, avrà un impatto significativo sul settore dei criptoasset. La direttiva è incentrata sul trattamento completo di vari tipi di asset e funzioni digitali, e punta a fare chiarezza sulle responsabilità di ognuno.

  • Anche gli Stati Uniti hanno fatto progressi in campo normativo, iniziando dall'ordine esecutivo del 2020 di assicurare uno sviluppo responsabile dei criptoasset. Il regolamento si concentra sulla tutela del consumatore e su un migliore accesso ai servizi finanziari, mitigando nel contempo le attività finanziarie illecite.  

    La difficoltà sarà capire come delegare le responsabilità tra la SEC (per i titoli) e la CFTC (per materie prime e derivati).

L'adozione delle criptovalute è in rapido aumento. Ricerche recenti mostrano infatti che il numero di utenti cripto raggiungerà il miliardo entro il 20302: di conseguenza, è necessario che la regolamentazione si metta al passo. 

Sarà interessante vedere in che modo il panorama normativo in continua evoluzione e il sentiment degli investitori si concilieranno con le considerazioni chiave in materia di blockchain per dare forma alla prossima evoluzione dei mercati degli asset digitali.

Blockchain - Domande frequenti

Le valute digitali delle banche centrali (CBDC) sono un token digitale. Sono simili alle criptovalute e sono emesse da una banca centrale, collegate al valore della valuta fiat del Paese.

La blockchain è un registro elettronico che conserva tutte le transazioni e i saldi in un dato sistema. Tale tecnologia consente a più partecipanti di trasferire valuta, asset o informazioni e assicura efficienza nelle registrazioni. Questo insieme di documenti è verificabile da tutti i membri della blockchain e rappresenta una versione unica e inalterabile del loro contenuto, eliminando così la necessità di un'autorità centrale per la riconciliazione.

  1. Qualcuno richiede una transazione. La transazione può interessare un asset fisico, una criptovaluta, una cartella clinica, un contratto legale o qualunque altra informazione
  2. La transazione richiesta viene trasmessa a tutti i partecipanti ("nodi")
  3. La rete di nodi valida la transazione utilizzando algoritmi conosciuti
  4. Una volta verificata, la transazione è combinata con altre transazioni per creare un nuovo blocco di dati
  5. Il nuovo blocco viene aggiunto alla blockchain esistente ed è permanente e inalterabile
  6. La transazione è completa

I vantaggi legati all'uso delle tecnologie blockchain sono molteplici. Aumentano la trasparenza delle registrazioni e facilitano i processi di audit. Contribuiscono inoltre a semplificare i processi aziendali e potenzialmente a ridurre i costi nei contesti in cui è difficile assicurare la fiducia e l'integrità.

Le criptovalute sono un mezzo di scambio digitale non tradizionale e decentralizzato che non si appoggia a banche centrali o governi. Il Bitcoin è la criptovaluta più famosa e più diffusa al mondo, ed è stato inventato nel 2008, nel pieno della crisi finanziaria globale. Il Bitcoin è uno strumento alternativo per pagare e conservare valore. È caratterizzato da una riserva finita e da un registro decentralizzato digitale protetto mediante crittografia.

Blockchain Scopri le capacità degli asset digitali

Cogli le opportunità della blockchain con il più grande ETF sulla blockchain in Europa[3]

Maggiori informazioni

Note

  • 1Il meccanismo di consenso della blockchain è il processo per cui la rete elabora e verifica le transazioni. Alcuni meccanismi di consenso prevedono che i partecipanti gareggino per risolvere puzzle matematici complessi (Proof of Work) che potrebbero consumare grossi quantitativi di elettricità. Altri meccanismi di consenso usano la proprietà dei token della rete (Proof of Stake) per verificare e registrare le transazioni.

    2Fonte – Coin Telegraph – Ottobre 2022

    3Fonte: AuM di 510 milioni di dollari al 6 febbraio 2023 – Invesco

Considerazioni sui rischi

  • Per informazioni sui rischi complessivi, si prega di far riferimento alla documentazione d'offerta. Il valore dei titoli azionari e dei titoli legati ad azioni può risentire di diversi fattori, come ad esempio le attività e i risultati dell’emittente e le condizioni economiche e di mercato sia generali che regionali. Ciò può determinare fluttuazioni del valore del Fondo.

Informazioni importanti

  • Dati al 31 dicembre 2022, salvo over diversamente indicato.

    Il presente articolo costituisce materiale di marketing e non deve essere interpretato come una raccomandazione a comprare o vendere in nessuna specifica classe d’attivo, nessun titolo o strategia. I requisiti normativi che necessitano l'imparzialità delle raccomandazioni d’investimento/di strategia d’investimento non sono quindi applicabili, né costituiscono un divieto alle contrattazioni prima della pubblicazione.

    Le opinioni espresse da professionisti o da un centro di investimento di Invesco si basano sulle attuali condizioni di mercato, possono differire da quelle espresse da altri professionisti o centri d'investimento e sono soggette a modifiche senza preavviso.